BusinessConsigliCome fidelizzare i clienti di un ristorante

19/05/20190

Un ristorante, come altre attività commerciali, deve creare una propria base clienti fedele e con un ritorno costante. Questo porterà a ricadute positive sull’attività e i suoi dipendenti. Al giorno d’oggi nemmeno i ristoranti possono permettersi di non prestare attenzione e cura verso i propri clienti. Per questo tratteremo cosa un ristoratore deve fare per fidelizzare i clienti di un ristorante, con i seguenti argomenti:

Quali sfide affronta un ristoratore

Come fidelizzare i clienti di un ristorante

Tessera fedeltà per ristoranti

Quali sfide affronta un ristoratore

Ogni genere di attività commerciale, a prescindere dal proprio settore merceologico, ha delle sfide da affrontare per mantenere i propri clienti e trovarne di nuovi.
Ovviamente le difficoltà non vengono a mancare nemmeno nel mondo della ristorazione. Proviamo a vedere i principali.

Digitalizzare il proprio ristorante

Negli ultimi anni il mondo del digitale sta crescendo a un ritmo sempre più rapido. Ormai sarebbe anche un errore parlare di “mondo digitale“, ma bisognerebbe iniziarlo a considerare come quello in cui viviamo e vivremo.
Quindi le attività commerciali che si adeguano e decidono di digitalizzarsi e innovare, resteranno sul mercato a scapito di chi preferirà restare indietro. L’obiettivo ad oggi dovrebbe essere quello di rafforzare la propria presenza digitale.

Un ristoratore prima di innovare, dovrebbe chiedersi cosa il consumatore desidera dalla fruizione dell’attività e cosa potrebbe invece aiutarlo nell’ottimizzare le varie fasi di lavorazioni.

Ad esempio i clienti di un ristorante prima di prenotare, si informano tramite il sito web. Oppure recuperano informazioni dalla scheda di Google My Business e leggono recensioni dai vari portali a disposizione.
Una volta nel ristorante, il cliente deve poter sfruttare la rete wi-fi ospiti per poter condividere scatti sui social network dei vostri migliori piatti. Provate a lanciare un # (hashtag) con il nome del vostro locale e spingere gli utenti a condividerlo. Questo è marketing del tutto gratuito che i vostri clienti faranno per voi.

Invece in fase di pagamento, la cosa che non può mancare è la possibilità di far pagare il cliente con il metodo di pagamento preferito. Una cassa evoluta con POS e lettore di carte, nel caso si voglia offrire una tessera fedeltà per ristorante, sono d’obbligo se si vuole digitalizzare il punto cassa.

Recensioni online negative

La visibilità è un punto fondamentale per ogni attività commerciale e lo è soprattutto per un ristorante. I portali in cui creare una scheda della proprio negozio sono sempre più numerosi. Sfruttare questi canali, permette di ottenere una visibilità gratuita maggiore che altrimenti non si riuscirebbe ad avere.

Il web sta diventando sempre più popolato di aggregatori. Immensi portali web che contengono informazioni verticali su determinati argomenti.
Però essere presenti su questi portali, oltre a portare effetti positivi, porta effetti negativi se non gestiti in modo accurato.

Uno dei problemi più sentiti è quello delle recensioni negative. Capita sempre più spesso che competitor e imprenditori poco onesti, sfruttino questi strumenti per danneggiare altri imprenditori che ogni giorno cercano di fare del loro meglio.

L’unico modo per proteggersi è quello di gestire le recensioni, rispondendo in modo sempre garbato ed educato. Questo serve a mostrare ai vari lettori delle recensioni, che si sia in grado di mantenere la calma anche di fronte ai situazioni di difficoltà.

Concorrenza spietata

Abbiamo già toccato il punto dei competitor che utilizzano anche strumenti poco convenzionali per danneggiare gli avversari. Ma quali altri tipi di concorrenza esistono?

Uno dei sistemi che si sta diffondendo sempre più è il delivery, oppure detto in italiano, il cibo d’asporto. Un concetto piuttosto conosciuto e nemmeno tanto innovativo se proprio volessimo dirlo. Ma l’innovazione è proprio nel concetto di aggregare varie attività di ristorazione in un unico sistema o portale, come abbiamo visto poco sopra.

Registrarsi ad uno di questi sistemi, permette di ottenere maggiore visibilità grazie alla potenza di fuoco di questi portali web e startup. Inoltre aiuta a far conoscere il proprio prodotto anche ad altri clienti, che prima sperimentano e in un secondo momento potrebbero presentarsi direttamente alla sede fisica. Offrire un servizio di questo tipo, può aiutare a fidelizzare il cliente del proprio ristorante.

Soddisfazione immediata del cliente

In un mondo che cambia sempre più velocemente, il cliente si è abituato ad ottenere tutto e subito. La soddisfazione deve essere immediata e impeccabile.

L’organizzazione interna del locale in questo caso è la soluzione principale che si possa opporre a questo genere di situazioni. Ma il cliente non ottiene soddisfazione solo dal servizio di ristorazione offerto, ma anche da tutto ciò che vi è annesso e connesso alla vostra attività. Un sistema di fidelizzazione può offrire un altro grado di soddisfazione del cliente. Infatti, questo lavora su un piano emotivo del tutto differente da quello che la vostra attività offre di base.

Come fidelizzare i clienti di un ristorante b-more

Come fidelizzare i clienti di un ristorante

Ci sono vari modi per fidelizzare i clienti di un ristorante. In questo articolo analizzeremo i principali sistemi per far ritornare i clienti e renderli maggiormente soddisfatti.

Prima però un appunto. La qualità del prodotto offerto è fondamentale, ma non è più il punto centrale di una strategia. Infatti di ristoranti che preparano pietanze di alta qualità e apprezzabili, è pieno.

L’unico modo per differenziarsi è quello di offrire altro oltre alla qualità del prodotto. Ad esempio: cortesia ed educazione del personale, cura della location, velocità del servizio e infine servizi aggiuntivi tra cui la tessera fedeltà.

Promozioni e offerte speciali

Il metodo più semplice per fidelizzare i clienti di un ristorante e per attirarne di nuovi è quello di lanciare delle offerte speciali in casi specifici. La fidelizzazione serve a far si che un cliente sia abbastanza motivato dal tornare una seconda volta, e per motivarlo si utilizza spesso l’incentivo economico.
Non serve svendersi in questo caso, ma studiare qualcosa che possa tornare utile al vostro cliente. Ad esempio potrete pensare ad un menù di lavoro a un prezzo interessante, che spinga il cliente a ritornare grazie al rapporto qualità e convenienza.

Coupon sconto

A quei clienti abitudinari, si può pensare di offrire un coupon di sconto o buono sconto per un successivo acquisto. Però dovrete studiare bene il vostro cliente prima di dargli la scontistica. Se il cliente viene spesso da voi in orario di pranzo da lavoro, potrebbe essere una buona mossa offrire uno sconto per una cena. Solitamente le cene, hanno un costo a persona ben più alto della spesa classica del cliente.
L’obiettivo in questo caso è quello di aumentare lo scontrino medio a cui è abituato il consumatore. Inoltre il cliente potrebbe presentarsi in compagnia, aumentando dunque il ritorno della spesa investita per il coupon.

Tessera fedeltà per ristoranti

Quando si parla di fidelizzazione, si pensa sempre alla tessera fedeltà e ai programmi di fidelizzazione. Nelle attività commerciali legate al settore della ristorazione, come le pizzerie, viene molto utilizzata la tessera fedeltà cartacea. Ma ormai questo genere di tessere sono state soppiantate dalle tessere fedeltà digitali.

L’obiettivo di qualunque commerciante e ristoratore, dovrebbe essere quello di tenere uno storico il più possibile accurato del tasso di ritorno di ogni cliente. Sulla base dei dati sarà poi possibile strutturare delle strategie con cui far ritornare i clienti e instaurare un legame di fiducia.

Un sistema fedeltà per ristoranti, dovrebbe poter premiare i clienti che tornano con maggior frequenza e che hanno uno scontrino medio piuttosto elevato. A seconda di questi parametri, sarà poi possibile offrire dei premi ai propri clienti.

Quali premi offrire ai clienti

Oggi offrire un unico premio ai propri clienti non è più la mossa corretta da fare. Prima di scegliere quale premio mettere a disposizione, bisogna strutturare una strategia di fidelizzazione.

A seconda dei dati che si riescono a raccogliere grazie al programma fedeltà per ristoranti, si potranno comprendere meglio le dinamiche dei migliori clienti. Molto spesso un ristoratore esperto già conosce il proprio cliente, ma senza dati precisi, non si è in grado di avere un’offerta precisa.

Una volta che avrete dati alla mano, sarà possibile stabilire quali tipologie di premi mettere in palio al raggiungimento ad esempio di una soglia di spesa.

Facciamo un esempio che possa permettere di comprendere meglio la dinamica di scelta di un premio.
Se vi rendeste conto che lo scontrino medio a persona è pari a 30€ e voleste aumentarlo, potreste pensare ad uno sconto su uno specifico piatto. A questo piatto si potrebbe poi proporre in abbinamento una bottiglia di vino che vi si accosti. La bottiglia di vino ovviamente deve essere una di quelle che vi permetta di aumentare lo scontrino totale e su cui avrete un margine di una certa importanza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

otto + tre =

Parlano di noi:
Business Insider Logo png
https://groupbmore.com/wp-content/uploads/2019/04/small-business-italia-logo-png-e1556386818438.png

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta in contatto con il Team b-more per scoprire i nostri progressi e le novità del nostro programma fedeltà digitale!

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta in contatto con il Team b-more per scoprire i nostri progressi e le novità del nostro programma fedeltà digitale!

Risorse

Società

Legale

logo b-more piccolo azzurro

© Copyright 2019 by b-more | CCRFNC90C16I577Z | Tutti i diritti riservati.

logo b-more piccolo azzurro

© Copyright 2019 by b-more | CCRFNC90C16I577Z | Tutti i diritti riservati.

Login

Register

Already have account?

Lost Password

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.